Pillole di CV – Presentarsi alle aziende quando non si è occupati

In questo periodo sono alla ricerca di un Temporary Finance Manager per cliente di EasyHunters. La parola Temporary indica chiaramente si tratta di posizione a tempo e quindi legata ad un singolo progetto o a un fabbisogno specifico.

È la classica posizione appetibile per chi non ha un lavoro stabile a tempo indeterminato o per chi è a casa. Nel corso della mia carriera ho trovato davvero pochi candidati Temporary per vocazione.

In questi casi, riceviamo curricula di persone che hanno disponibilità immediate e, soprattutto, una certa flessibilità. Ma c’è un grande problema: molti di questi curricula non sono aggiornati e non riportano alcune informazioni cruciali per il selezionatore.

Due elementi in particolare vanno messi in evidenza:

Datare di lavoro: spesso le persone non mettono la fine del contratto con l’ultimo datore di lavoro. Dando chiaramente l’impressione che stiano ancora lavorando per quella società. Scelta che ha rischi e opportunità. Il rischio maggiore è che se a leggere il cv è un recruiter giovane tenderà a scartare il profilo sulla base del principio che se uno ha un contratto a tempo indeterminato non ne accetterà una a tempo determinato. Un selezionatore più senior, invece, si chiederà come mai un profilo cosi ha risposto a un annuncio temporary. Questo comporterà una telefonata o una mail di approfondimento con evidente allungamento dei tempi.

Perché si tende a lasciare il vecchio datore come se fosse ancora quello attuale? Perché si ritiene che avere ancora un lavoro renda più facile la ricerca di uno nuovo. Qualche volta può essere vero, ma questa motivazione viene meno quando si risponde a un annuncio Temporary. In questo caso, infatti, l’immediata disponibilità a lavorare e la flessibilità nell’accettare un contratto a tempo determinato rappresentano elementi distintivi in positivo, che andrebbero messi in evidenza. Anche in un testo di accompagnamento al CV.

Tipologia di contratto: è importante specificare la tipologia di contratto – anche se a termine – la sua scadenza e il pacchetto retributivo. Le forme contrattuali possono essere molte, direttamente con le aziende o tramite agenzie per i lavoro, possono avere scadenze ravvicinate o più lontane nel tempo.

Indicare queste informazioni aiuta il selezionatore a capire anche come mai ci si candida e la base di riferimento contrattuale. Esempio tipo di CCNL , numero di mensilità, eventuali benefit. Questi dati aiutano anche a calibrare bene le esperienze avute e il ruolo ricoperto.

Qualche volta siamo i migliori commerciali di noi stessi, ma più spesso il nostro curriculum necessità di qualche revisione per renderlo più comprensibile a un lettore esterno.

5 errori del capo che fanno scappare i talenti

Il “capo insopportabile” è uno dei motivi che può portare i talenti lontano dall’azienda e un capo – che dovrebbe valorizzare ed estrarre il meglio da ogni dipendente, tanto più dai migliori – dovrebbe anche sempre essere attento a non incappare in uno di questi 5 errori:

Errori di valutazione. Selezionare un talento ed inserirlo in un team è il primo passo per creare un ambiente stimolante e far crescere l’azienda. Accontentarsi di assumere una persona che non sia perfetta per una determinata candidatura significa mettere tutti i lavoratori in una situazione di mancato stimolo e di mancata fiducia nei confronti di chi ha selezionato la risorsa. Quante volte si sente dire che “il pesce puzza dalla testa”? O ancora: “Non è colpa sua ma di chi lo ha messo in quella posizione”? Ecco. Un buon capo crea un team dall’alta professionalità. Se infine vengono distribuite male anche le promozioni, questo può creare gelosie e tensioni controproducenti. Saper valutare chi merita cosa è fondamentale.

Carico di lavoro eccessivo. Parliamoci chiaro. I momenti in cui il lavoro extra cadrà sulle spalle delle persone più talentuose e di quelle più disponibili (che poi sono anche quelle nelle quali un capo ripone la propria personale fiducia) esistono in tutte le aziende ed esisteranno sempre. Ma se l’affidare incarichi extra a queste persone diventa la normalità, magari proprio perché sono le migliori, è bene fermarsi un secondo: diminuire i carichi e, ovviamente, distribuirli tra tutti i membri del team, premiando infine i più meritevoli con una promozione. In caso contrario, l’affidabilità diventerà, agli occhi dei lavoratori, non un pregio ma una trappola.

Stimoli e compiti corretti. Albert Einstein diceva che ognuno è un genio a modo suo. Ma che se si prova a convincere un pesce ad arrampicarsi su un albero, questo si sentirà profondamente inadeguato. La capacità di un buon manager è quella di stimolare le attitudini di ciascun lavoratore, senza mortificarlo e cercando di far fuoriuscire la creatività e il meglio da ognuno. Assegnare compiti a casaccio, o in maniera poco oculata, porterà a mancanza di stimoli, a frustrazione, mentre dare ad ognuno un obiettivo sempre più interessante, secondo le proprie capacità, creerà un’empatia personale e professionale necessaria per la crescita dell’azienda.

Parole parole parole. Quante volte un capo ha promesso una promozione, un permesso, un aumento come corrispettivo di un carico di lavoro importante e, magari, non dovuto? Bene, il capo deve sapere che qualsiasi promessa venga fatta, il dipendente la percepirà come un impegno da onorare mentre, tante volte, per il capo, si tratta solo di parole al vento, dette a seconda delle necessità del momento. Essere una persona di parola farà guadagnare punti, stima e fiducia. In caso contrario, verrà a mancare tutto questo.

Scarsa considerazione. Riconoscere la bontà di una performance lavorativa è fondamentale per permettere alle persone – quindi al team, all’azienda – di crescere e migliorare. Ignorare i risultati di chi lavora è il primo passo verso l’emarginazione dei talenti, verso la loro depressione lavorativa. Allo stesso modo, l’attenzione di un capo deve convergere anche verso il lato più umano. Un capo che comprende le dinamiche extra-lavoro è apprezzato e rispettato e sarà più facile che un talento acconsenta alle sue richieste che, se provengono invece da un capo insensibile, vengono avvertite come una semplice ingiustizia.

Da manager a consulente: una scelta hard

francesca_contardi_lavoro
Da manager a consulente: una scelta importante. Di Francesca Contardi.

Quando a fine gennaio ho dovuto resettare la mia vita professionale, non avrei scommesso un euro sul mio passaggio a independent player. Ho lavorato come dipendente per quasi 20 anni e mi risultava un po’ difficile pensare di agire, da un giorno all’altro, da sola.

Mi è capitato – come credo capiti a tutti – di pormi la domanda “e se cambiassi la mia vita professionale e non fossi più una dipendente?”. Ma siamo sinceri, finché non ci sbatti il muso contro non ti rendi conto di cosa voglia dire davvero trovarsi – appunto – da sola. Professionalmente parlando, chiaramente.
Ho sempre fatto il commerciale, ma ho sempre avuto famosissimi brand alle spalle. E vendere con la consapevolezza di avere in mano un prodotto o un servizio noto e universalmente riconosciuto non è esattamente come vendere se stessi.
Viviamo in un’era in cui alla domanda “cosa fai?” rispondiamo con il titolo e ruolo che ricopriamo. Come se le nostre capacità si possano riassumere in un titolo. E quello che sappiamo fare dove finisce?
Ecco, io mi sono svegliata una mattina e d’un tratto non avevo più un titolo altisonante sul biglietto da visita. Avevo però una tonnellata di competenze acquisite in anni di studio e di lavoro sul campo da comunicare all’esterno. E dovevo presentarmi al mondo in un momento in cui anche io non sapevo cosa ero esattamente.
Devo ringraziare un conoscente – che oggi è mio cliente – che a febbraio mi ha chiesto di aiutarlo nel miglioramento della sua società. Voleva, in altre parole, che gli facessi da consulente.
“Consulente” è una parola fantastica che contiene dentro il mondo. Fare il consulente vuol dire tutto e vuol dire niente. Devo ammettere che è un termine che mi ha fatto sempre un sacco di paura; ritrovarmi da un giorno all’altro a fare il consulente è stato un trauma. Consulente di chi? Di cosa?
Lavorare con questo mio cliente mi ha aiutata a capire che le mie competenze sono nell’organizzazione strategica, nell’organizzazione, selezione e gestione delle risorse umane e nell’evoluzione della struttura. Ma soprattutto mi ha aiutata a capire che per portare nelle aziende questo mio sapere, non è necessario mostrare un biglietto da visita che porta il logo di una famosa società.
Da febbraio, sono arrivati altri clienti. E con il tempo, la parola “consulente” ha iniziato a farmi sempre meno paura. È una sfida immensa: metto il naso in un sacco di cose (alcune molto divertenti, devo ammetterlo), entro in contatto con business differenti, conosco un sacco di persone e mi confronto con numerose culture aziendali.
È, però, anche un lavoro difficile e molto impegnativo. Richiede uno sforzo mentale non indifferente perché ogni volta che entro in azienda devo essere al 100% e focalizzata su quella società. Non posso andare per inerzia. Essere consulente è davvero molto impegnativo. Occorre molto tempo per consolidare le relazioni esistenti e anche per crearne altre che possano portare nuovo business. Il grande vantaggio, però, è che sono il capo di me stessa. Mi auto-regolo e mi auto-gestisco.

Ho deciso di rimettermi in gioco

Qualche mese fa ho fatto un colloquio con un cacciatore di teste, uno di quelli altisonanti e famosi. Dopo una lunga chiacchierata, mi ha detto con molta franchezza “Francesca, hai 45 anni, sei donna e provieni da un settore ancora poco capito (ndr quello delle Agenzie per il Lavoro). Le possibilità di trovare un’opportunità di lavoro sono bassissime. Ma mi raccomando, prenditi il tempo necessario per ragionare sul tuo futuro lavorativo”.

Si era appena concluso un rapporto di quasi 17 anni con la mia vecchia società e questo è stato uno dei primi riscontri. Poco entusiasmante, potrei dire, usando un eufemismo. E mi sono sentita come tanti amici e candidati che si sono trovati, negli anni, nella stessa situazione. E ora cosa faccio?

Ho seguito il consiglio del cacciatore di teste che avevo incontrato. Mi sono concessa del tempo. Avevo bisogno di svuotare il cervello da abitudini consolidate che ormai erano diventate la mia vita: la routine dell’arrivo in ufficio, le persone fantastiche con le quali ho lavorato, la battuta con il collega alla mano, il caffè delle prime ore, le riunioni programmate da mesi e ripetitive, l’aperitivo del venerdì. Una serie di quotidianità che negli anni ci costruiamo e che scandisce le nostre giornate. Bene, tutte queste abitudini non c’erano più e bisognava crearsene delle altre. E – aspetto ancora più importante – dovevo costruirmele, tassello per tassello, da sola.

Io sono stata sempre abituata ad avere rumore intorno, nell’ultimo anno stavo addirittura in open space con più di 70 persone. E da un giorno all’altro mi sono trovata a sentire solo il russare del mio labrador, sdraiato sotto la scrivania dello studio.

Non sono una casalinga, non lo sono mai stata e mi sono resa conto di non avere le abitudini delle mamme dei compagni di classe di mio figlio che fanno le casalinghe. Solo relazioni cordiali, ma superficiali con loro. Da questo lato, quindi, nessun aggancio.

Non sono una fashion victim. Tradotto in parole povere: faccio shopping ogni tanto, ma poi mi stufo. Va bene la prima, va bene la seconda, ma poi??

Non sono una che sta ferma a casa a non far nulla. Non riesco a stare a rimuginare, a leggere un libro, a cucinare. So che non sono esattamente “non fare nulla”, ma non appartengono alla mia quotidianità.

Quindi??? Alla lunga il tarlo, quell’essere strano che per anni mi ha spinto a lavorare come una forsennata, si ripresenta simpaticamente. E sempre con lo stesso interrogativo. “Mica vorrai star ferma lì senza fare nulla, vero? Ma nulla, proprio nulla? Lavorativamente parlando, si intende…

Nel frattempo, hanno iniziato ad arrivare alcune offerte di lavoro, alcune – devo ammetterlo – anche molto interessanti. Ma non coincidevano con quello che avrei voluto fare nel mio futuro e soprattutto non mi avrebbero permesso di essere la mia nuova versione. Quella che ha capito che a 45 anni è arrivato il momento di scegliere bene con chi passare la maggior parte delle ore o con quale capo avere a che fare. Senza avere sensi di colpa.

I 5 segreti delle persone resilienti

Un articolo  recentemente apparso su Inc. ha presentato i segreti fondamentali ai quali le persone veramente resilienti si attaccano nei momenti del bisogno.

Secondo Geoffrey James, celebre giornalista, niente è piu importante nel mondo del lavoro della capacità di resilienza. La resilienza è la capacità mentale di affrontare le diversità. Permette di perseverare e di vincere là dove gli altri avrebbero già mollato.

Non si nasce resilienti, è una capacità  che si sviluppa nel corso della vita, grazie alla nostra capacità di discernere e al nostro operare nel mondo. Geoffrey James racconta che ha intervistato centinaia di dirigenti, quadri e imprenditori,che hanno avuto successo.

Ha chiesto a ciascuno di loro quale era il motore che ha permesso di restare focalizzati anche nei momenti più difficili. E  hanno dimostrato di avere molte idee in comune. 

Io ho individuato i primi 5 elementi fondamentali per loro:

1- « Gestisco le miei emozioni, per evitare che loro gestiscano me. »

Le persone resilienti sanno gestire le loro emozioni. Quando percepiscono una emozione forte in arrivo, fanno in modo di distaccarsi prima di iniziare ad agire. Scelgono sia di approfondire questa emozione al fine di usarla per uno scopo preciso, sia di lasciarle fare il suo corso naturale.

2- « Le mie azioni pesano più delle parole»

Le persone resilienti fanno sempre quello che dicono. mantengono le promesse e realizzano gli impegni presi, qualunque sia la difficoltà che si presenta. 

3- «  Io preparo il mio futuro. » 

Le persone resilienti sono costantemente alla ricerca di miglioramento delle loro competenze. sono sempre in formazione per poter affrontare le sfide di tutti i giorni. La conseguenza diretta è che raramente affrontano situazioni che le sorprendono e si adattano rapidamente ai progetti complessi.

4- « Io imparo più dai miei fallimenti che dai miei successi. »

Le persone resilienti non temono il fallimento. secondo loro, il fallimento permette di capire cosa funziona e cosa no. E quindi di poter andare avanti. 

5- « Sono coraggioso. »

Le persone resilienti sono coraggiose. Considerano che niente è sicuro al mondo: non il lavoro, non l’informazione e certamente non il futuro. Invece di inseguire una illusione di sicurezza futura , preferiscono coltivare il coraggio nella loro vita professionale, e nonostante ciò i rischi ci sono sempre.

Le persone resilienti non pensano mai che le loro energie e la loro attenzione siano una risorsa limitata. Sanno che un approccio mentale strutturato e la gestione delle loro emozioni gli permette di superare i problemi quotidiani..

Source : Inc, articolo di Geoffrey James .

4 cose che Pokemon Go può insegnarci sui recruiting

Se nelle ultime 2 settimane avete navigato su internet avete probabilmente sentito parlare di  Pokémon Go.  E’ un gioco che crea dipendenza e che si basa su un meccanismo che ha raggiunto la sua massima popolarità verso la fine degli anni ’90 inizio 2000. E che ora, proprio grazie a Pokémon Go, è tornato alla ribalta in modo prorompente. La realtà interattiva del gioco spinge le persone fuori casa alla ricerca di personaggi immaginari nella nostra vita quotidiana. E’ pura genialità.

Da un giorno all’altro è diventato un fenomeno collettivo, ma quello che affascina di più è il fatto che le persone ne siano diventate dipendenti in pochissimo tempo. E quello che trovo ancor più interessante sono le similitudini tra la app che sta coinvolgendo il mondo e il recruiting.

Recruiting?

Si, recruiting. Ecco alcune cose che Pokémon Go può insegnarci sul modo di assumere:

  1. Le mode arrivano e passano: seguire l’ultima moda in fatto di selezione non è detto che sia la scelta vincente per voi e la vostra azienda. Insieme a metodi poco concreti di assunzione, spesso, arrivano decisioni di assunzione sbagliate.

I cambiamenti possono essere interessanti, ma utilizzare valide, solide e  comprovate tecniche di selezione vi permetterà di non dovervi poi preoccupare delle conseguenze.Trovare il candidato ideale per la vostra azienda deve essere il vostro obiettivo primario. Come ogni altra moda, questo gioco passerà.

  1. Promuovere è importante: non sarebbe una moda se le persone non ne avessero fatto un caso. Non avrei scaricato l’app e iniziato a giocare se non avessi visto quanto gli altri si stessero divertendo. La stessa cosa vale per la vostra azienda: se non siete voi i primi promotori della vostra opportunità di lavoro, perché dovrebbero sceglierla gli altri? I candidati fanno molta attenzione a come viene descritta la società o il business. E sono molto attenti anche ai dipendenti. Perderete delle buone candidature se non diventate voi stessi promotori.
  2. A volte bisogna uscire per trovare quello che cercate: non puoi afferrare un Pikachu senza lasciare il tuo appartamento. Tradotto: devi uscire di casa per incontrare delle persone reali. Ci sono potenziali candidati che non potete raggiungere solo tramite il vostro PC. Qualche volta dovete diventare più creativi e generare network con gli altri per trovare i candidati giusti. Non è detto che riescano a vedervi all’interno dei migliaia di annunci postati ogni giorno. Sopratutto se siete una piccola o media azienda. Ci sono tante aziende che assumono nel mercato globale, quindi dovete trovare un modo per emergere e farvi trovare.
  3. Trovare la persona giusta può richiedere tempo: non accelerate il processo perché siete impazienti. Vi racconto una situazione classica: il lavoro sta aumentando e le pile di cose da fare crescono. E voi dovete ancora assumere qualcuno. Nessuna posizione è cosi importante da farvi accelerare il processo di ricerca, selezione e assunzione. All’interno del sistema, qualche giorno o settimana in più di ricerca non vi costeranno mai quanto l’uscita di una persona selezionata male. Dire alla persona sbagliata “voglio assumerti” può costarvi non poco e per tanto tempo. La pazienza è una virtu della selezione come nei Pokémon.

La prossima volta che andrete a caccia di uno Squirtle o camminerete in un Pokéstop, potreste trovarvi in un’area nella quale incontrare un prossimo collaboratore.

Oppure passare al livello successivo, o meglio ancora vincere.

Una versione originale di questo articolo é apparsa su Jen Teague’s website.

 

Carriera Professionale? Dipendende dalla vostra employability

Come possiamo trovare la rotta giusta in questo mare agitato che è diventato il mondo del lavoro, dove ciascuno di noi ha dovuto, suo malgrado, imparare a navigare?

Per tenere la testa fuori dall’acqua, non bisogna aspettare di essere già sotto la cresta dell’onda per affrontare quella successiva.

Quando tutti gli indicatori tradizionali dei modelli economici incominciano ad indicare il rosso, è arrivato il momento di smettere di ragionare in termini di crisi e iniziare a ragionare sul cambiamento.

Molti cambiamenti profondi hanno già avuto luogo e la vita economica e sociale dei prossimi anni si annuncia estremamente instabile. Un vero e proprio mare in tempesta del mondo del lavoro che rischia di stravolgere tutto ciò che di standard conosciamo: i piani di carriera, la sicurezza, la gerarchia aziendale, la pensione….

Al centro di questo abisso nascerà un nuovo modello di azienda che genererà un mercato del lavoro ricompattato. I primi a capire e ad anticipare questa necessaria e salvatrice “business revolution” saranno i primi ad avvantaggiarsene. In questo nuovo e sfidante contesto bisognerà imparare ad agire quando tutti i segnali della nostra carriera saranno sul verde.

Per imparare a riconoscere il momento buono dobbiamo immaginare la vita professionale come una successione di cicli (esattamente come accade per i prodotti) e quindi imparare a posizionarci sopra queste curve: il segreto sta nell’iniziare una nuova curva prima di essere sulla fase discendente di quella precedente. Proprio come un’azienda che lancia un nuovo prodotto senza aspettare la fine di quello vecchio.

I cambiamenti e le evoluzioni devono intervenire nella fase A e non nella fase Bcome invece siamo abituati a pensare. Mi rendo conto che questo atteggiamento porta inevitabilmente a rimettersi spesso in discussione e so anche che non è mai facile. Rimane però – ne sono convinta – uno dei metodi migliori e più efficaci per garantire lacontinuità del proprio lavoro e l’evoluzione delle proprie competenze che, se sufficientemente avanzati, sono richieste quasi in ogni azienda.

Man mano che il nostro profilo evolve, è necessario ampliare il nostro sapere e abbandonare le attività obsolete.

Bisogna investire su se stessi per proteggere la carriera a lungo termine. Ricordatevi che il merito e le competenze saranno sempre più riconosciuti – e apprezzati – del titolo.

È indispensabile un vero e proprio cambiamento di approccio: nelle aziende tradizionali, ad esempio, veniva detto al dipendente quando era arrivato il momento di riciclarsi. Oggi spetta al singolo lavoratore capire quando – e come – è arrivato il momento di farlo e, soprattutto, di individuare i mezzi e le leve necessarie per valorizzare se stesso e la sua attività.

Questo implica non solo una formazione costante ma anche una buona conoscenza del mercato del lavoro e delle nuove opportunità create dalla tecnologia (i cosiddetti lavori digital).

Conviene allora mettere in piedi una specie di controllo della propriaimpiegabilità: bisogna seguire l’evolversi del proprio settore di appartenenza, capire se il mercato sta crescendo o è in contrazione, valutare le proprie aspettative e autoformarsi in modo costante durante tutta la vita professionale.

Bisogna sviluppare la propria rete di contatti e di attività parallele: l’attività lavorativa da dipendente garantisce la stabilità, ma l’attività di autoformazione contribuisce ad aumentare le possibilità di restare attivi fino all’ultimo, così come le attività di beneficenza aumentano la possibilità di accrescere il proprio networkpersonale anche fuori dal lavoro.

«Il perfezionamento di se stessi è la base fondamentale di tutti i progressi».

Confucius

Fonte: Inspirato da  «  les 7 secrets de ceux qui ne sont jamais au chômage » de Charles-Henri Dumon

La storia di Ryan Graves: ecco perché non bisogna mai accontentarsi

Più o meno fino a 6 anni fa, Ryan Graves detestava il suo lavoro. Oggi, è il responsabile Operation, a livello globale, di Uber ed è miliardario. 

Questa, in sintesi, è la storia che racconta Bill Murphy in un articolo di Inc. Noi possiamo farci ispirare e prenderla come modello per i grandi e piccoli cambiamenti della nostra vita. 

Nel 2008 Ryan Graves lavora, come IT Program Leader, in GE Health Care. Un lavoro che in quel periodo considera ingrato e che non gli permette di far evolvere la sua carriera. Nel 2009 la svolta: decide di cambiare lavoro, nonostante uno stipendio lordo annuo di 109 000 $.

Tenta la fortuna e prova ad entrare in una azienda che aveva sviluppato Foursquare, l’app – una delle sue preferite – che permette ai suoi utilizzatori di indicare dove si trovano attraverso un sistema di geo-localizzazione e suggerire posti da frequentare.

Sfortunatamente non viene assunto. Ma non abbandona l’idea di cambiare e, mentre continua a lavorare per GE, passa tutte le sue serate ed il suo tempo libero a convincere le persone ad utilizzare Foursquare e a caricare le informazioni. 

Ha sempre in testa un unico obiettivo: farsi assumere. Alla fine, riesce a convincere 30 nuovi clienti e ottiene, finalmente, il lavoro. Dovrà aiutare i fondatori di Foursquare a sviluppare e far crescere la società. 

Ha ottenuto il posto dei suoi sogni, ma non si ferma. Anzi. Continua a studiare, si informa e diventa un esperto di social. Interagisce senza sosta con gli utenti di Fousquare, non soltanto attraverso delle semplici connessioni social, ma creando una vera e propria piattaforma di collaborazione e scambio.

Nel 2010, il tweet della fortunaTravis Kalanick, il co-fondatore e Presidente di Uber, tweetta che è alla ricerca di persone per rinforzare il suo team.

Ryan Graves risponde a sua volta con un tweet molto semplice: «un consiglio: scrivetemi a graves.ryan@gmail.com»

Travis Kalanick lo contatta e Ryan Graves viene assunto come primo dipendente non-fondatore. Oggi è membro del comitato direttivo e ha un patrimonio di più di 1 miliardo di dollari.

Quella che vi ho raccontato non è solo una storia di successo, è più che altro un incoraggiamento a superare i nostri limiti, a perseverare sempre, a essere motivati e, soprattutto, a non mollare mai. 

E’ fondamentale avere un progetto professionale ben definito e fissarsi degli obiettivi chiari e concreti di crescita. In questo modo, con il tempo, impareremo ad essere tenaci e più motivati. Con un approccio al lavoro simile focalizzeremo meglio l’evoluzione del nostro percorso e svilupperemo competenze – personali ed umane – che ci aiuteranno a raggiungere gli obiettivi fissati. 

Non dimentichiamo che un approccio proattivo e positivo permette di generare opportunità :)

Source : Inc, Bill Murphy,

Il Sole 24 ORE – Francesca Contardi consiglia la facoltà universitaria

Ecco un’intervista di Alberto Magnani per il Sole 24 ORE all’interno della quale do qualche consiglio utile per scegliere la giusta facoltà universitaria.

Francesca_Contardi_consigli_lavoro_università
Sole 24 ore – Francesca Contardi

16-06-27_Il Sole 24 ORE (Guida Uni)-page-002

 

8 consigli per una vita professionale di successo

Le 8 buone abitudini che vi garantiranno un vita professionale di successo

La maggior parte di noi passa più di 2000 ore in ufficio ogni anno. Questo significa che, ci piaccia o meno, trascorriamo una buona parte della nostra vita al lavoro, se non addirittura la maggior parte.

Se non siamo più soddisfatti di quello che facciamo o stiamo tentando di cercare un nuovo ambiente lavorativo, possiamo mettere in pratica questi otto consigli che ci aiuteranno ad avere il lavoro ideale

1 – Conoscere molto bene gli obiettivi di carriera:

Dovete essere certi di essere chiari con voi stessi sugli obiettivi professionali che volete raggiungere. Dichiarateli a voce alta. Scriveteli in modo chiaro e puntuale e appendeteli in un posto dove sia facile visualizzarli quotidianamente.

2- Gestire il vostro tempo:

Quando lavorate pianificate i vostri tempi. Evitate quello che non è necessario e che impedisce il raggiungimento dei vostri obiettivi. Se siete alla ricerca di un lavoro dovete prendere molto seriamente l’organizzazione dei tempi. Quanto tempo dedicate alla preparazione dei colloqui di lavoro, di persona o telefonici? Quanto tempo realmente dedicate alla ricerca di un lavoro? Pianificare correttamente l’agenda e l’utilizzo del tempo vi stimolerà e vi aiuterà ad essere più produttivi.

3 – Controllate che il vostro profilo “online”:

Cresce sempre di più il numero di selezionatori che utilizza i social per ricercare i propri talenti. Provate anche voi a fare questo esercizio: cercate sui motori di ricerca il vostro nome e verificate che il vostro profilo sia aggiornato e che non escano cose strane. 

4 – Siate flessibili:

I selezionatori cercano sempre talenti che si adattino allo “spirito della casa” . Le persone che accettano facilmente i cambiamenti sono spesso quelle che hanno uno sviluppo professionale più rapido e che salgono più velocemente i gradini della carriera.

5 – Arrivate 30 minuti prima:

Potete arrivare al lavoro giusto in tempo, senza perdere un minuto. Ma eccovi una buona abitudine da adottare: arrivate in ufficio 30 minuti prima per avere il tempo di pianificare i vostri appuntamenti e mettere nell’ordine giusto le attività da fare.Vi renderete rapidamente conto che le vostre giornate saranno più fluide e i vostri colleghi – e i vostri capi – potrebbero apprezzare la vostra organizzazione e capacità di anticipare gli impegni.

6 – Pensate a fare “networking”:

Anche se avete già un buon lavoro, non smettete mai di fare “networking” sia con i vostri colleghi , sia con i vostri amici, sia con le persone che frequentate per motivi professionali. Molte opportunità emergono più velocemente attraverso il passa parola rispetto ai normali canali di ricerca di occupazione. E’ un consiglio spesso ripetuto a tutti i dirigenti che si trovano a fare outplacement, ma che è valido per chiunque! 

7 – Prendete ispirazione dai vostri manager:

Non sbaglierete mai nel cercare il parere/consiglio di qualcuno che ha più esperienza di voi nel vostro settore. Potersi appoggiare – e farsi consigliare – a un manager esperto ha un valore inestimabile. Non si può re-inventare la ruota, ma può essere molto utile scoprire come qualcuno prima di voi ha affrontato situazioni complesse e che soluzioni ha adottato.

8- Non si finisce mai:

Non c’è mai una fine perfetta in una carriera, perché ci sarà sempre uno spazio per migliorare o apprendere qualcosa di nuovo. Una carriera non è una meta, ma un cammino pieno di opportunità professionali. Non smettere mai di imparare è una qualità che permette di aprirsi verso nuovi progetti e arricchire il proprio percorso in modo dinamico. 

Fonte : Inc- Article de Rhett Power : 10 Habits That Will Ensure Career Success